E’ stato Luca Colombo, country manager di Facebook Italia, quanto ormai si andava vociferando da diverse settimane: WhatsApp, nel 2019, introdurrà per la prima volta delle pubblicità in-app.

Sarà un innesto graduale e che, almeno all’inizio, non dovrebbe intaccare più di tanto l’esperienza utente. Più in particolare dovrebbe essere toccata la funzione relativa allo Stato (l’equivalente delle Storie di Instagram): passando da uno Stato all’altro potrebbero così essere visualizzati alcuni annunci pubblicitari.

Tale novità, che siamo certi non mancherà di creare accese discussioni e proteste, dovrebbe debuttare nel corso del primo trimestre del prossimo anno. Con tutta probabilità si tratterà di una sorta di apripista che potrebbe anticipare quindi annunci più “aggressivi” in futuro. Molto dipenderà, ovviamente, da come gli utenti recepiranno tale novità.

E’ giusto anche ricordare che WhatsApp, prima dell’acquisto di Facebook, era un’app a pagamento: in questi anni Zuckerberg ha valutato diverse opzioni per monetizzare l’applicazione di messaggistica istantanea più utilizzata al mondo.