Il russo Alexey Ovchinin e l’americano Nick Hague sono i due astronauti che erano a bordo della navetta Soyuz e che sarebbero dovuti approdare alla Stazione Spaziale Internazionale. Il lancio è clamorosamente fallito per un problema ad uno dei motori e si è dovuto così proseguire con un atterraggio d’emergenza (in Kazakistan): per fortuna, come assicura la NASA, i due astronauti sono in buone condizioni fisiche e psicologiche.

Il problema è arrivato due minuti dopo la partenza: si sta ovviamente indagando sui motivi del malfunzionamento di uno dei propulsori, anche se l’ipotesi che circola con più insistenza porta ad un difetto nel sistema di separazione di uno dei due booster durante la prima fase del decollo. Una valvola non si sarebbe aperta, con uno sganciamento non ottimale: il booster laterale ha finito per colpire quello centrale, compromettendo il buon funzionamento di motore e alcuni sistemi elettronici a bordo. In basso il video del lancio fallito della Soyuz, al minuto 3.40 si nota il momento dell’incidente.